LuSea Bee | BeeThePhoenix
A true story - bra(h).
personal, blog
1
archive,paged,author,author-lucy_bee,author-1,paged-2,author-paged-2,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.1,smooth_scroll,fade_text_scaledown,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,transparent_content,overlapping_content,small_grid,tpp-masonry-enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

b. Black Rain [pt.1]

Mi ricordo che da piccola, quando mi spazzolavano i capelli capelli di merda, prontamente si spezzava il pettine.

Se. Spezzava. Il. Pettine. ‘mbare!

Non erano capelli i miei, erano nemici con la quale dovevo spesso pateggiare ogni tre per due. Erano i miei Dormammu come per Doc. Strange, ananas per la pizza, olio di palma per la Nutella – esistono e dan fastidio. Sapevo che i miei capelli crespi non erano nella norma. Cioè, avevo attorno persone con capelli soffici e lunghi e trattabilissimi, io no. Non me ne curavo però – ero giovane e tutto era più semplice. Mi trovavo in un diverso contesto sociale e continentale, nulla di strano davvero, vedevo altre con capelli come i miei quindi era tutto regolare.

Poi arrivò il pre-adolescenza e vidi sto ragazzo per cui ebbi la mia prima cotta, si chiamava Davide. Davide mi disse un giorno: “sei carina per essere una ragazza di colore”. Risi, lo mandai anche a cagare se non erro, eppure non capii perchè l’avesse detto. Avevo 12 anni ed ero in Italia da un anno e mezzo.

Ero un maschiaccio, bruttissima a parer mio, totalmente diversa dalle ragazze della mia classe. Erano snelle o formose, avevano capelli corti o lunghi, biondi o castani, sorrisi smaglianti e denti drittissimi. Poi c’ero io – medio alta, snellissima no cazzata, ero un chiodo (lo sono tutt’ora), non trovavamo mai la mia taglia nei negozi, manco nella sezione pe’ bambini! Il naso a patata e denti giganti, storti ma bianchissimi. Mi sentivo strana ma soprattutto mi sentivo un’estranea – ricordo che durante lezioni, facevo comparazioni d’epidermide. Cioè, mi perdevo a fissare la pelle dei miei compagni di classe durante lezioni e guardavo il mio e pensavo: “Mi stai dicendo che siamo tutti uguali? Il sangue è la medesima?? Puttanate!”.

Ad accompagnare i miei anni alle miei erano anche capigliature strane, comprensibili per me e quelli in casa mia, ma fuori è tutto un altro mondo e loro non capiscono un cazzo. Quindi via di nomignoli, altri eran carini, altri – per carità divina!

Poii in mezzo a tutto sto shock culturale, ricordo questa insegnante di Italiano e Storia che mi piaceva tanto – si chiamava Nellina. Nellina era una bellissima donna sui 50 anni su per giù, occhi grigi, capelli bianchi, sempre elegante, c’era una luce bellissima in questa donna. Credo sia grazie a lei che sto pirlo per scrivere (poco importante se sia a cazzo) sia nato. Per stranieri, gli insegnanti tendono a far scrivere di tutto e di più, credo dovrebbe aiutare con la comprensione della lingua (LOL). “Com’è la mia famiglia” “Cos’ho fatto la settimana scorsa”, “Di che colore è la cacca a casa tua” e altre minchiate. Eppure, la mia immaginazione pareva un pozzo senza fine, cosa che, a pensarci, non avevo mai avuto di che confrontarmi quando ero in Nigeria. Tornando a Nellina, ogni cazzata scrivessi, a lei piaceva sempre. Un giorno, durante lezioni, credo stessimo parlando del futuro e del liceo da scegliere subito dopo le medie, ci dava consigli e altro, mi disse che dovevo avventurarmi nel mondo dell’arte. Aveva consigliato il DAMS a Brescia. Quello che mi era rimasta più impressa però, oltre al fatto che pendevo dalle sue labbra e i suoi occhi grigi mi ipnotizzavano, era che mi guardò e dal nulla, mi disse: “tu da grande, sarai una donna bellissima”. Sorrisi. Ero shockata! “Io? Ma mi ha visto? Di cosa caspiterina sta parlando signora mia!?” avrei voluto controbattere, ma taqui e sorrisi, perchè il mio italiano faceva ancora schifo.

Dio se adoravo quella donna!

C’è un seguito, abbiate pazienza. Ascoltate uno dei miei pezzi preferiti di BB King se ciáma Lucille.

Read More

How to: accept your Procrastinator status like a Pro

Let’s just get it off the plate, shall we? Procrastination is a disease. And like an STD, you’d rather not catch it – but your lame ass does anyway.

Scientists don’t see it yet, but “following a shitload of thorough ass analysis” they will agree that the effects it has on a person’s psyche is highly disturbing and quite frankly, annoying. You don’t have to do anything (sacrificied myself), just read or (nah) smirk at these following life changing steps. At the end of the day, you are who you are.

I should know, I’m a serial pro-crastinator.

And besides, it’s 3 am. Insomnia kicked in. (LOL! It’s funny, because..)

 

Step 1: “‘Scuse me!”

Now, I don’t suppose everyone suffers my plight. But i’ve come to the realization that excuses are great and they make me feel better. I have books to read and exams to prepare and projects to bring to life, movies to watch and recipe to recreate but hey, am I doing something to change the situation?
Yes, you guessed it, yours truly ain’t doing jack shit about it.

 

Step 2: “It’s not you, It’s me”

Let it go, let it slide baby. You are not (that) lazy, it’s just a battle you can’t win. Your mind might probably be on a highly caffeinated marathon but your body, not so much. In this game of Mind vs Boday – you strongwill suffers, your good intentions will die before the sun sets. Let it go already, abandon yourself to sweet idleness. You lose. Blame yourself later.

 

 

Step 3: “In an african family, you can either be a doctor, a lawyer or a disappointment”

You have to come to the realization that you really are not lazy simply because LAZY isn’t the right word to explain how you feel about yourself most of times. The word you are looking for is – DISAPPOINTED. Or purposeless. Whichever depresses you more.

 

Step 4: “Cash me ousside, howboudah?”
You have got 99 problems and one intense case of psychological distress. While you sit or lie down in your place of choice, your conscience keeps gnawing a black hole from within. You probably feel at your best – constantly being torn between unease and squimish in your own skin.  You would rather jump out of your skin and shake your carcass up like a barman would expertly do with his cocktail mixer than hear someone complain about “your problem”.

 

Step 6: Distractions.

You’ve become well accustomed with your room now. Isn’t it funny how you get to cleaning when you don’t want to get to the nitty gritty? You’d rather climb the Everest, wouldn’t you? You’d rather get yelled at by Gordon Ramsey, would ya? You’d rather prep for the Red Wedding, huh?

I understand. My room’s clean too.

 

Step 5: “I’ve got this fam!”

It’s ok to feel this way sometimes but I will really need you to snap out of it sometime soon. I mean, the rush of being able to get shit done in a shorter amount of time than your peer is great! Adrenalinic (?) even but eh, no one ever said adulting was fun. At least now, you can start counting down to your next totally undeserved break and procrastinative (??) session.

Ah true, the accepting part. I will write it soon, just wait.

 

(…it actually took me 4 days to finish and post this shit.)

 

Read More

How to: Nigerian like a true Nigerian

If you are reading this, it’s too late you are probably pondering and gathering information about visiting one of West Africa’s finest – Nigeria and you want to ascend and become a full blown citizen. First things first I’m the realest” wtf, why? Welcome! Please follow these simple instructions:

-Nigeria’s national anthem is 2Face’s – African Queen

-Nigerians are happy people – it’s annoying.  Fela put it better when he sang “Shuffering and Shmiling” it was no understatement – true life story. Come suffer and smile in the land of the free screwed.

Musicalbox

-Most will certainly agree that the governmental, bureaucratic, infrastructural system and dead ass wi-fi will test your faith. Hang in there. It’s true.

-Talking about faith, you can ditch your alarm clock (no electricity to charge your phone, so chill), there’s always a mosque or a C.A.C (church) that’s gonna wake you the fuck up. #StayWoke

-It is the Tower of Babbel par excellence so choose your battle your preferred dialect(s) out of the 500 , wisely. I mean, in case they want to poison or scam you, you gatso know what they are saying fam! #StayWoke pt.2

-Since the country is being dubbed the “Lion of Africa” – you gotta be resilient as phuck! Such over-pompous label can take a toll on one’s confidence, gotta play the part.

-Food is great over (t)here: can be exxxxxxtra spicy, very slimy and some names given to certain dishes are – “mouthfuls” (LOL) but taste is always bomb af. So, either you are being given the Ofe Achara with Akpuruakpu Egusi, the Gbegiri soup,  or the country’s national treasure – Jollof Rice please do us all a favor – fix your face, don’t ask questions, say your Thank Yous and eat. Unless witches poisoned your meal, then you might die. So, pray before you eat. Or say you’ve just eaten.

-Ain’t no Party Like a Lagos Party. Way too lit, for no fucking reason.

The Wedding Party (2016)

-So, you might need Bella Naija, Linda Ikeji, Ovation and The Bisi Olatilo Show amongst others to validate the aforementioned alternative fact case study.

Depending on where you choose to create your new found nest, you might find kids saying “Up Nepa” a lot. It’s a contagious prayer point you will need in your life.

-Music is a way of life. Get in chune with the vast plethora of artistes. Not just Wizkid and P-Square abeg.

-Abeg, Jor O, Pepper Dem Gang, Gbagaun – just to name a few – boy, you can’t get past the threshold without these slangs. Walahi!

-When on the road, you are either Grand Theft Auto-ing like a true motherphucker or just chilling, for infinite hours, in one hot spot (pun intended). You think it’s a joke. Oke.

 

-Potholes and road bumps are not just double entendres! #StayWoke-ish

-You will learn the truth behind the art of corruption. It will be your daily bread. So when your hear a “Oga/Aunty – drop something“, you don’t drop dead and feign stupidity – you bring out the big monies.

-Speaking of bread, you MUST try hot Agege bread and moin moin. True religion. Don’t trust ajebutters, just like Jon Snow, they don’t know shit.

-Nollywood is a thing! It’s on 51 Iweka Road – Onitsha or Ebinpejo Lane, Idumota – Lagos.

-Nigerian mosquitoes are demonic. They don’t care about your feels, blood type or your melanin (and/or the lack thereof).

-Kneel down for your elders – do not stretch that hand out. Just, don’t. Hot slaps are not a myth.

-If you see a yoruba demon or temptress, run chances are, you are probably already under their spell. It’s too late. I might keep you in my prayers.

OMGVoice

-We take politicians and newspapers seriously! But the combo: Suya Newspaper is idyllic.

                                                                photobucket

Depression or Suicide is not an african thing.  If you are feeling unease, the witches are at work. So you need to locate a C.A.C nearest to you.

-You can’t trust Nigerian football but when you do decide to, living off past glory et all, this is the only man that makes it worth your while.

                                                                Giphy

 

I might update. I might get lazy.  I might forget. Just know, I did my best to get you on the right path. Lookatchewgo!

Read More

p. Passion, Payne and Demon Preying

Prima di compiere i 18 anni, figa s’ero messa male. Erano tutti più estasiati di me e io invece avevo solo un’inspiegabile angoscia man mano che i giorni si avvicinavano. Me lo ricordo come se fosse ieri per quanto cazzo ero traumatizzata per la maggior età.

“Farai la patente adesso” Boia, che storia.

“Potrai fare tutto ciò vuoi ora, come ti invidio” Sono africana, l’età non fa testo da noi. Povero/a illuso/a.

Il giorno in cui compii 25 anni, mi ero svegliata ed ero già consumata da una tristezza tutto sommato, spiegabile.  Dovevo preparare fin troppi esami e il giorno della scadenza per la borsa di studio era sempre più vicina, vivevo con due donne über 35enni che hanno reso la mia permanenza con loro n’esperienza da incubo (solo a ripensarci mi fa ribrividire – quanta aura negativa posssa emanere la gente ha del raccapricciante) e poi non ci mettiamo pure la relazione che si stava finalmente arrivando agli sgoccioli (e negherò che a definire l’andazzo della fine della storia fosse stato per il semplice fatto che m’aveva  fatto gli auguri 4 giorni prima del dovuto) ed avevo .16 centisimi sul conto in banca (giuro). Ricordo di essermi seduta, ancora in pigiama e ho pianto, avevo il petto pesante ma non riuscivo a piangere in modo soddisfacente! Insomma, trascinavo un macigno emotivo dentro e avevo sto nuvolone nero che mi avvolgeva da fuori. Ero una topa (scus’) in trappola!

Credo che crescere abbia avuto effetti negativi su di me. Scopriì già da giovanissima che il mondo degli adulti, tanto ambito dai miei coetanei, non era cosa per me (povera illusa, lo so). Non so, ma sono cresciuta a pane e realta’, non mi sono mai posta certi problemi, non ho mai chiesto molto, non mi facevo abbindolare facilmente, pochissime favole e non mi dispiaceva, affatto. Poi sono cresciuta….lol.

Ai 16 anni ero un fiume in piena di continue emozioni contradittorie. Trovavo tutto eccitante e al cotempo riuscivo ad annoiarmi un sacco, (sor)ridevo un sacco e mi lamentavo spesso della monotonia che avesse avvolto la mia mera e piccola esistenza. Mi piaceva tutto e non per questo rimanevo senza pensieri e quindi spesso alla domanda “Ma a cosa pensi?” di mia madre, un pò infastidita, rispondevo: “Non pensare che perchè sia piccola non abbia nulla a cui pensare”, lei (ovviamente) mi deriva, “Non devi mica pagare le bollette, non hai figli, ma va a sederti e non rompere il cazzo”, beh, quell’ultima parte me la risparmiava, ma potete ben immaginare. Era come se fossimo tutti esenti dall’avere preoccupazioni prima di avere una certa età. Per carità, non sto cercando di equiparare lo stato d’animo di un ragazzo di 16 anni (in piena salute e tutto quanto) versus il macigno che un uomo di 60 anni deve ingerire dinanzi a problemi, quelli veri – quelli seri. Però épass questo, chi le decide ste cose?

Come scrisse una persona su Twitter, “you are never too young until Life happens to you”.

In sostanza, ad ognuno i suoi complessi, i suoi demoni, i suoi masturbàtion mentale (come le chiamava la nostra professoressa francese). Quando riuscirai ad ampliare i tuoi pensieri oltre le tue aspettative, oltre i tuoi limiti è lì che la vita ti fotte – è lì che cominci ad essere “più matura” dei tuoi coetanei (a qualsiasi età, sia chiara), è lì che comincerai ad avere una diversa ottica riguardanti determinate cose, è allora accorgerai di esserti fottuto il cervello e che ti sei giocata/o la possibilità di essere beatamente ignorante, coglione/a.

Bravo/a!

Io sono cinica ma altre volte, anche no. E’ bello essere in controllo dei propri pensieri e di poterle analizzare, plasmare e avere una presa di posizione su determinate cose – tra sé e sé. Insomma, ogni tanto è frustrante però è anche gratificante. Non so come metterle giù certi pensieri ed opinioni però il semplice fatto di capire ha del magico, ti rivitalizza. La mente mente quando non ti distrae, facendoti credere che tu non possa neanche avere la possibilità di goderti le tue pare mentali. Mente.

Chin Up | Copeland

 

Read More